Le raccomandazioni e le scelte pratiche per la diagnosi prenatale

diagnosi prenatale

Titolo: La diagnosi prenatale (codice ECM 131145)
Destinatari: ostetriche, infermieri, infermieri pediatrici, assistenti sanitari, medici
Scadenza: scaduto
Crediti: 5
Costo: 40 €
Offerte: -
Programma: FADO
Valutazione dei partecipanti (439 valutazioni):
9/10 rilevanza
8/10 qualità
8/10 efficacia

Chiudi commenti [-]

Commenti positivi (35):

  • ottimo
  • interessante
  • buono
  • utile, pratico, schematico
  • ben strutturato
  • completo
  • molto utile grazie
  • materiale didattico ottimo, concetti esaustivi e chiari. in definitiva corso eccellente.
  • molto interessante per approfondire argomento
  • interessante e ben fatto
  • molto interessante ma pensavo avesse un numero maggiore di contenuti
  • mi è stato utile; è servito per consolidare alcune conoscenze in merito alla diagnosi prenatale
  • interessante
  • ottimo
  • buono
  • utile, efficacie
  • interessante
  • completo
  • corso davvero valido.
  • molto utile
  • complesso ma molto inteessante anche per un chirurgo generale
  • interessante e ben fatto
  • ha completato la mia formazione universitaria
  • utile
  • ottimo
  • buono
  • utile, schematico, efficacie
  • utilissimo
  • completo
  • ottimo.
  • e' stato molto utile ed il materiale fornito molto chiaro e dettagliato
  • ottimo
  • un supporto molto completo a capire l'argomento anche per il non specialista
  • ben strutturato!
  • è stato utile

Altri commenti (3):

  • non mi ha chiarito alcuni dubbi, per esempio: perché alle coppie che hanno fatto fivet o icsi è raccomandata la diagnosi prenatale invasiva (pag 16 del corso)???
  • la domanda 3, secondo me, è mal posta. non si capisce il soggetto della diagnosi delle anomile metaboliche: il feto o i genitori?
  • ho trovato poco sviluppata la parte sui test non invasivi

Troppi test di screening

Negli ultimi anni si è assistito a una progressiva diffusione dei test di screening e di diagnosi prenatale; tale tendenza si affianca più in generale a una medicalizzazione della gravidanza. Nei Paesi industrializzati le donne si sottopongono alla diagnosi prenatale anche in assenza di rischi concreti e le cause di questo fenomeno portano:
  • alla convinzione errata che maggiori siano gli screening attuati più sia sicura la gravidanza;
  • a comportamenti determinati dalla medicina difensiva;
  • alla pressione per la donna esercitata dai mezzi di comunicazione.
In Italia, per esempio, il 73,1% delle donne si sottopone a più di tre ecografie in gravidanza (media nazionale di 5,3 ecografie) e ogni 100 parti si eseguono in media 12,4 amniocentesi. 

Non solo medicina

La diagnosi prenatale non si limita alla conoscenza e all'esecuzione di test di screening, ma coinvolge a 360 gradi la relazione tra operatore sanitario e genitori in attesa. Gli scopi della diagnosi prenatale sono molteplici:
  • informare i genitori sull’effettiva entità della malattia o sul rischio di una data malattia e sulle diverse ipotesi di gestione della situazione;
  • preparare psicologicamente la coppia alla malattia del nascituro;
  • offrile la possibilità dell’espletamento del parto in una struttura di livello adeguato alla gestione della malattia diagnosticata;
  • intraprendere, ove possibile, un trattamento intrauterino

Le risposte del corso FAD

Questo corso FAD fornisce risposte evidence based di facile applicabilità nella realtà quotidiana alle seguenti domande:

  • Che cosa si intende per diagnosi prenatale?
  • Quali sono i test non invasivi?
  • Quali sono i test invasivi?
  • Come va assistita una donna che si sottopone a test invasivi?
  • Quali sono le indicazioni alla diagnosi prenatale?
  • Come si sceglie il test di screening o di diagnosi prenatale?
  • Quali sono le tecniche innovative?
  • Come si fa il counseling?
Posted in Corsi scaduti.