Piante medicinali: quali rischi

Titolo: Piante medicinali: quali rischi (codice ECM 311230)
Destinatari:
tutti gli operatori sanitari
Scadenza:
 31-12-2021
Crediti:
5
Costo:
30 €
Programma:
Favifad
Valutazione dei partecipanti (357 valutazioni):
8/10 rilevanza
9/10 qualità
8/10 efficacia

L'uso delle piante medicinali

Fin dall’antichità l’uomo ha cercato nella natura e in particolare nelle piante medicinali, i rimedi che lo potessero aiutare a prevenire e curare diverse malattie.

Le fonti storiche dimostrano che per secoli le piante hanno costituito la principale fonte di medicamenti. Con il progredire delle conoscenze sulle tecniche di isolamento e sintesi chimica dei principi attivi, il mondo scientifico ha progressivamente indirizzato la propria attenzione verso i prodotti derivanti da questi processi. Tuttavia, negli ultimi decenni del XX secolo l’interesse per le piante è tornato a crescere.

La crescente attenzione nei confronti dei prodotti a base di piante medicinali è da attribuire a diversi fattori.
Da un lato una maggiore attenzione da parte del pubblico al benessere e alla salute. Dall’altro l’aumentata disponibilità di rimedi naturali reperibili in farmacie, erboristerie e nella grande distribuzione organizzata.

Inoltre, le strategie di marketing e i messaggi pubblicitari provenienti dai mass media attribuiscono a questi prodotti numerose proprietà benefiche per la salute, sia fisica sia mentale, rendendoli attraenti per il pubblico. Secondo quanto emerge da indagini e sondaggi le persone tendono sempre di più a non rivolgersi al medico ma a procedere con l’automedicazione. In particolare la propensione è verso l’utilizzo di rimedi provenienti dal mondo vegetale. Si ha infatti spesso l'errata convinzione che l’origine naturale sia garanzia di sicurezza.

Nella realtà non è così e sono molte le reazioni avverse che si verificano, per far fronte a questo problema è stato istituito un vero e proprio sistema di sorveglianza.

La sorveglianza delle reazioni avverse

La farmacovigilanza è l’insieme delle attività finalizzate all’identificazione, valutazione, comprensione e prevenzione degli effetti avversi o di qualsiasi altro problema correlato all’uso dei medicinali. Lo scopo è quello di assicurare un rapporto beneficio/rischio favorevole per la popolazione. Anche i prodotti di origine vegetale sono sottoposti a controllo, in quanto occorre tenere ben presente che naturale non è sinonimo di sicuro.

Le pubblicazioni in letteratura infatti mostrano che anche le erbe officinali più utilizzate sono responsabili di reazioni avverse. Queste possono essere sia il risultato dell’azione esercitata dalla pianta sull’organismo sia la conseguenza di interazioni farmacologiche con medicinali assunti simultaneamente.
La segnalazione delle reazioni avverse ai rimedi di origine vegetale segue due percorsi differenti a seconda del prodotto coinvolto.
Nel caso dei medicinali vegetali autorizzati la segnalazione viene trasmessa all’Agenzia Italiana del Farmaco. Invece le segnalazioni per tutti gli altri prodotti “naturali” sono inviate all’Istituto Superiore di Sanità.
In Italia questo sistema di controllo (fitosorveglianza) ha raccolto in questi anni oltre 2.000 segnalazioni. Va sottolineata l’importanza di mantenere un adeguato livello d’attenzione sull’argomento. Bisogna considerare che anche quando i prodotti a base di piante vengono utilizzati correttamente possono verificarsi reazioni indesiderate, in relazione alla qualità del prodotto utilizzato.
Inoltre, le informazioni sulla sicurezza di questi prodotti sono particolarmente importanti in alcune popolazioni quali donne in gravidanza, bambini, pazienti anziani e nelle persone che stanno assumendo farmaci a uso cronico con il rischio quindi di interazioni.

Il corso in breve

Il corso dopo una parte introduttiva generale si concentra sulle principali piante medicinali di uso comune illustrandone i rischi in gravidanza, in allattamento e il rischio di interazione con altri farmaci.

Si riportano di seguito i punti presi in esame dal corso in oggetto:

  • Epidemiologia: l’uso delle erbe officinali
  • Aspetti legislativi di base
  • Il sistema di fitosorveglianza in Italia
  • Le piante medicinali di comune impiego
  • Cannabis sativa
  • Consigli pratici.

 

Lasciaci la tua mail e resta aggiornata/o



    Farmaci e bambini

    Come usare i farmaci nel bambino: una guida per una terapia sicura

    Farmaci e bambini

    Titolo: Farmaci e bambini (codice ECM )
    Destinatari: tutti gli operatori sanitari
    Scadenza: 31-12-2020
    Crediti: 5
    Costo: 30 €
    Offerte: -
    Programma: FaviFAD
    Valutazione dei partecipanti (5.583 valutazioni):
    8/10 rilevanza
    8/10 qualità
    8/10 efficacia

    I rischi legati all'uso dei farmaci nei bambini

    Un bambino su due riceve un farmaco nell'arco di un anno, per lo più si tratta di medicine per l’apparato respiratorio o antibiotici. Spesso però queste terapie si accompagnano a reazioni avverse, che devono essere riconosciute per tempo e segnalate alla Rete nazionale di farmacovigilanza.

    I bambini non sono adulti in miniatura

    I bambini vengono erroneamente considerati “adulti in miniatura”, senza tenere conto delle caratteristiche, sia fisiologiche sia psicologiche, che contraddistinguono le diverse fasce d’età. Senza adeguate informazioni circa l’efficacia e la sicurezza dei farmaci in età pediatrica, si possono commettere errori di prescrizione e somministrazione con gravi conseguenze per il piccolo paziente.

    I motivi delle reazioni avverse

    Molte delle reazioni avverse sono legate al meccanismo dei farmaci e sono largamente prevedibili adottando opportune precauzioni. L’allergia ai farmaci è un rischio reale, ma spesso sovrastimato a causa della notevole sensibilità della cute nel bambino. Particolare attenzione bisogna porre anche agli eccipienti inseriti nelle formulazioni.

    Le risposte per una buona pratica clinica

    Questo corso FAD ECM fornisce risposte alle seguenti domande:

    • Quanto sono frequenti le reazioni avverse da farmaco nel bambino?
    • Quali sono le differenze tra bambino e adulto in termini di farmacocinetica e farmacodinamica?
    • Quali sono le reazioni avverse più frequenti e rilevanti  in età pediatrica?
    • Quali farmaci danno più spesso reazioni avverse nel bambino?
    • Come prevenire le reazioni avverse da farmaco o vaccino?
    • Come gestire una reazione avversa da farmaco o vaccino, specie se grave?
    • Come segnalare la reazione avversa osservata?

    Lasciaci la tua mail e resta aggiornata/o



      Farmaci anziano

      Consigli per la buona gestione dei farmaci nell’anziano

      Farmaci anziano

      Titolo: Farmaci e anziano: un equilibrio difficile (codice ECM 283845)
      Destinatari: tutti gli operatori sanitari
      Scadenza: 31-12-2020
      Crediti: 5
      Costo: 36,60 €
      Offerte: -
      Programma: FaviFAD
      Valutazione dei partecipanti (6.254 valutazioni):
      8/10 rilevanza
      8/10 qualità
      8/10 efficacia

      Troppi farmaci, tutti insieme

      Si è oggi di fronte a una vera e propria epidemia di uso di farmaci nell'anziano. Dati italiani (AIFA) indicano che la prevalenza d'uso dei farmaci passa dal 45% negli adulti a oltre il 90% nelle persone sopra i 74 anni d'età, ovvero quasi tutti gli anziani prendono quotidanamente farmaci. I consumi dicono che in media ogni anziano prende più di tre farmaci al giorno.

      Gli eventi avversi si possono prevenire

      I problemi legati all’uso dei farmaci nell’anziano sono comuni, costosi e spesso prevenibili, oltre a essere accompagnati a volte a esiti infausti. Si stima che il 27% degli eventi avversi da farmaco nelle cure primarie e il 42% di quelli legati alle cure a lungo termine siano prevenibili.  Evitare l’uso di farmaci inappropriati e dei farmaci ad alto rischio è un modo semplice ed efficace per ridurre i problemi legati ai farmaci e gli eventi avversi nell’anziano.

      I motivi che portano all'iperprescrizione nell'anziano

      La conoscenza dei motivi che conducono a prescrivere troppi farmaci nell'anziano è il primo passo per rivedere la terapia in corso e ridurre al minimo il numero dei farmaci, tenendo presenti le patologie concomitanti, le possibili interazioni tra farmaci e il profilo di sicurezza caratteristico in questa fascia d'età che deve essere considerata debole.

      Le risposte per la pratica quotidiana

      Questo corso FAD ECM risponde a molte domande, fornendo risposte di immediata applicabilità clinica:

      • Quali sono i farmaci più usati nell'anziano?
      • Come facilitare l'aderenza al trattamento?
      • Come va gestita una politerapia?
      • Si può evitare la cascata prescrittiva?
      • Quali sono i rischi di un sovra o sottotrattamento?
      • Quali sono i farmaci da evitare nell'anziano?
      • Quali sono i farmaci che possono essere somministrati con tranquillità nell'anziano?

      Lasciaci la tua mail e resta aggiornata/o